Il trucco delle dive per avere capelli perfetti!

Extension capelli Dive

Extension per capelli: il mondo che le circonda

Spesso facendo zapping alla tv, vediamo attrici e cantanti con chiome chilometriche sempre in ordine, mai con un capello fuori posto. Quante volte abbiamo letto sui giornali di attrici che si sono tagliate i capelli e miracolosamente il giorno dopo facevano invidia per la chioma stile raperonzolo? Tante volte…

Magia? No Extension.

Extension capelli

Non solo attrici e cantanti adoperano questo trucco, ma anche le dive delle passerelle. La famosissima pantera nera ad esempio, Naomi Campbell per chi non la conoscesse, deve la sua bellissima chioma piena, voluminosa, liscia e lunga solo e soltanto alle extension. Questo piccolo trucchetto è perfetto non solo per star di Hollywood ma anche per chi magari una mattina si è alzata di buon umore e ha deciso di tagliarsi i capelli, per poi pentirsi subito dopo.

Extension naomi
I veri capelli della Pantera Nera

Di solito prima ci tagliamo i capelli convinte che un taglio corto ci stia bene e ci sfini il viso. Poi dopo la prima settimana cominciano a sorgere non solo problemi nel fare la piega ma anche nel vedersi allo specchio con molti centimetri di capelli mancanti.

Se anche voi ci siete cascate e non ce la fate più a vivere questa situazione ogni mattina, lottando non solo con lo specchio ma anche con voi stesse, un’ottima soluzione è l’applicazione delle extension.

Il consiglio più importante di tutti è: rivolgetevi a un esperto! Non vi fate abbindolare dalla vicina di casa che ha la sorella della nipote che fa la parrucchiera. Fate una ricerca, decidete per il parrucchiere più esperto e rivolgetevi a lui.

Capelli extension fatte male
Extension evidenti, non perfettamente riuscite.

Il primo errore di un parrucchiere inesperto è la riproduzione di una chioma a scalini, in cui si vede la differenza tra i capelli e le extension. Per essere invisibili devono essere naturali.

Ed è per questo motivo che se partite con l’idea di applicare solo cinque ciocche è meglio cambiare strada. Prima di valutare quale tipo scegliere, bisogna consultare il coiffeur e chiedere se è possibile applicarle.

Chi ha pochissimi capelli, non è un soggetto adatto alle extension perché in tutti i casi si vedrebbe l’attaccatura. Quindi è importante, dopo aver valutato e scelto il parrucchiere, mettere i capelli nelle sue mani e farsi consigliare non solo quale modello sia più adatto, ma se fanno oppure no al caso vostro. Ricordate inoltre di puntare sempre e solo su capelli di alta qualità e veri.

Vediamo ora i diversi tipi di extension.

Extension con la cheratina

Questo metodo consiste nell’applicazione di piccole ciocche di capelli a quelli veri, utilizzando una resina, la cheratina appunto, al fine di creare un unico capello.

Il vantaggio di quest’applicazione è la durata, infatti, possono durare diversi mesi e richiedono meno manutenzione rispetto agli altri tipi.

Tuttavia è anche uno dei metodi più aggressivi, perché per eliminare la cheratina bisogna poi utilizzare un acido che potrebbe far venir via anche una parte del capello naturale.

Extension con ago e filo

extension ago e filo
Esempio di extension ago e filo

È uno dei metodi meno invasivi.

Infatti, è quello che utilizza Naomi Campbell.

Consiste nel cucire con ago e filo la ciocca di extension con i capelli veri.

Per eliminarle basta “semplicemente” tagliare il nodo che le tiene unite.

Extension con clip

Extension con clip. Ve ne sono anche di colorate, per giornate alternative!

Sono la versione fai da te delle extesion. A differenza degli altri modelli non richiedono il parrucchiere per applicarle, però c’è da dire che non sono un metodo “permanente”.

Basta semplicemente applicarle ai capelli veri tramite l’utilizzo di clip uguali a quelle che si usano per legare i capelli.

Possono essere messe e tolte in qualsiasi momento e non danneggiano i capelli.

L’unico svantaggio sta nell’applicazione. Bisogna disporle bene in punti strategici così da non farle vedere, piazzando i capelli veri sopra.

È l’ideale per chi vuole osare solo per un’occasione.

Extension con anello

extension con anelli
Esempi di extension con anelli

È un metodo che ricorda un po’ l’uncinetto della nonna.

Consiste nell’applicazione dei capelli veri in un gancetto apposito facendo passare la ciocca in un piccolo anello.

Dopodiché si fa passare l’extension nell’anellino e il gioco è fatto.

È una tecnica che dura all’incirca un mese, con la ricrescita l’anellino va riaperto e riposizionato.

Il bello di questo metodo è che non solo non si danneggiano i capelli, ma si possono usare le stesse extension per diverse volte.

Extension con il biadesivo

Extension con il biadesivo
Extension adesive. Le trovate anche su Amazon a prezzi stracciati, anche se di qualità discutibile.

Le extension con il biadesivo utilizzano una fascia di plastica su cui applicare il nastro, questo poi sarà posto alla radice del capello, non troppo vicino alla cute altrimenti si potrebbe irritare.

La durata è di un mese e mezzo dopodiché bisogna scollare il tutto, cambiare il biadesivo e riposizionare la ciocca.

Anche questo metodo non danneggia i capelli e permette di riutilizzare le stesse ciocche.

 

In sostanza potete decidere voi che cosa vi convenga più fare, sempre tenendo presente gli avvertimenti di cui sopra. Oggi le trovate dappertutto, specialmente su Amazon.

Buona chioma a tutte!