Cervicalgia: che cos’è, come si manifesta, le cure

Cervicalgia
Come curare la cervicale infiammata

La cervicalgia, è un disturbo che si manifesta con dolore cervicale acuto, localizzato principalmente nella zona posteriore del collo, causando rigidità, intorpidimento alle braccia, formicolio alle mani, mal di testa, nausea, e disturbi legati alla vista e all’udito. I sintomi del dolore cervicale, hanno entità diverse: il principale sintomo, è la rigidità del collo che diventa particolarmente dolente, al mal di testa, accompagnato da vertigini, nausea e vomito, ronzii alle orecchie e perdita dell’equilibrio.

Le cause della cervicalgia, sono diverse: In primis la postura scorretta, che può portare ad un’alterazione dell’assetto meccanico causando infiammazione a carico della zona cervicale. Una postura scorretta, può essere assunta da seduti, o anche stando distesi, durante il sonno. In entrambi i casi, la cervicale può infiammarsi e causando dolore.

La cervicalgia, è causata anche dagli sbalzi di temperatura repentini e dai colpi di freddo. Questo tipo di problematica, è infatti tende a manifestarsi nei periodi freddi, oppure se ci si espone in modo diretto all’aria climatizzata.

Anomalie e difetti occlusivi dell’arcata dentaria, possono portare all’infiammazione del dolore cervicale: il “digrignare” involontario, può causare una pressione che porta come conseguenza l’infiammazione della cervicale.

Stress e tensione, possono rappresentare un’aggravante e molto spesso anche la causa singola del dolore cervicale, causando una contrazione dei muscoli del collo, rigidità e la conseguente infiammazione della zona del collo, delle braccia e delle spalle.

Anche la mancata attività fisica, è un’altra delle cause di questa problematica.

La cura della cervicalgia, richiede una serie di indagini: in primis, è necessaria una risonanza magnetica, o una mielografia, che possano mostrare eventuali anomalie nella struttura vertebrale. E’ possibile inoltre una visita “manuale” di uno specialista, che potrà stilare una diagnosi e suggerire al paziente la terapia più indicata e una serie di accorgimenti. La cervicalgia, può essere alleviata con una manipolazione di uno specialista, ma anche con degli esercizi che possono essere ripetuti giorno per giorno per qualche minuto per rafforzare e allungare i muscoli del collo, consentendo cosi un migliore apporto di ossigeno.

  • Muovere il collo a destra e a sinistra, avanti e indietro, lentamente, eseguendo ampi e profondi respiri
  • Roteare il collo avanti e indietro, ispirando e espirando
  • Allungare il braccio destro e poi il sinistro, alternandoli
  • Appoggiarsi al muro, con una pallina da tennis dietro la nuca, effettuando leggeri movimenti, cosi da praticare una sorta di massaggio, volto ad allentare la tensione.

La cervicale può essere curata anche in modo naturale, con una sana alimentazione: le piante anti-infiammatorie come la curcuma, sono ideali, ma anche verdure come carciofi e ortiche.