Come “salvarsi” dall’invidia delle pseudo amiche

Invidia
Invidia delle pseudo amiche

L’invidia è un sentimento comune, largamente diffuso, e costantemente alimentato dalla società moderna, malata e fintamente empatica, dall’indole, e da una serie di altri fattori contingenti che spingono le persone a nutrire questo sentimento negativo, verso chi ha qualcosa che si desidera per se stessi. L’invidia è un sentimento molto forte, che si traveste da buonismo, che utilizza escamotage e bugie per potersi camuffare. L’invidia non è facilmente riconoscibile, e serpeggia e si diffonde capillarmente. Come salvarsi dall’invidia senza saperla riconoscere?

Gli invidiosi sono ovunque: anche chi generalmente non nutre questo tipo di sentimento, può averlo provato in una particolare circostanza. L’invidia può creare sofferenza, in primis a chi la prova, che offre perché logorato dal mancato raggiungimento di un determinato obbiettivo, e anche chi sa di essere invidiato, che vive costantemente sotto osservazione, sentendosi appunto, come oggetto d’invidia.

E’ un sentimento negativo, che interessa diverse tipologie di persone, in particolare l’universo femminile, più competitivo e battagliero. Spesso proprio nella cerchia delle proprie amicizie si nascondono persone che nutrono sentimenti negativi. Dunque come difendersi dall’invidia delle pseudo amiche?

Il primo e più importante passo, è imparare a riconoscerle: le amiche invidiose, sono in qualche modo diverse dalle amiche sincere; non gioiscono, o almeno non del tutto dei successi altrui, delle storie altrui, dei traguardi altrui; sono melliflue, fintamente buone, fortemente insoddisfatte.

Spesso le vittime di invidia, sono persone empatiche ed accomodanti, anche perfettamente inconsapevoli del loro essere invidiate.

Per salvarsi dall’invidia delle pseudo amiche, bisogna imparare a riconoscerle, dunque: l’invidia si nutre di altra invidia, per cui le persone che provano questo sentimento si circonderanno di persone simili.

Nutriranno questo sentimento verso persone buone ed empatiche, verso le loro relazioni, verso l’aspetto estetico, verso i successi, i traguardi professionali, ma anche verso ciò che non è palesemente tangibile, e dunque verso un modo di essere, di pensare di agire, di rispondere agli stimoli esterni.

Il secondo passo per difendersi dalle pseudo-amiche è essere forti e mostrarsi come tali: consapevoli dei propri punti di forza, è importante metterli in risalto, e di conseguenza spaventare le pseudo amiche invidiose.

Il terzo step, è quello di evitare di fare lo stesso gioco, e quindi evitare finte gentilezze: le pseudo amiche, tendono ad allearsi, a creare disagi nei gruppi, a seminare maldicenze. Il modo ideale per frenarle è allontanarle.

Evitare gli strappi, in alcuni casi, e tacere sulla propria vita, evitando di affrontare la questione in modo diretto.