7 consigli per riprendere la vita universitaria senz’ansia

Vita universitaria
Consigli per riprendere la vita universitaria senz'ansia

Per gli studenti, l’organizzazione della vita universitaria, è di fondamentale importanza. Un ritmo di studio regolare e costante, favorisce un più rapido raggiungimento degli obbiettivi prefissi. Sette sono le regole d’oro per studiare con regolarità, per organizzare il lavoro o per riprendere la vita universitaria a seguito di una pausa senz’ansia.

  1. La prima domanda è porsi una domanda: il primo step dunque, è l’autoanalisi; bisogna chiedersi se la modalità di studio adottata è produttiva, se il numero di ore dedicate allo studio sono quelle giuste e soprattutto se sono sufficienti. Inoltre è importante comprendere se tutte le altre attività quotidiana sono compatibili con lo studio.
  • Il secondo step è la pianificazione: a seconda del tempo a disposizione, bisogna necessariamente cercare di organizzare lo studio. La pianificazione consiste nella scelta dei corsi da seguire, dei laboratori, delle altre attività e delle ore da dedicare allo studio. Tutto va organizzato pensando al tempo massimo che si ha a disposizione.
  • Porsi delle scadenze: per evitare l’ansia e riprendere la routine universitaria, è sempre consigliabile porsi degli obbiettivi si, ma anche delle scadenze. Lo studio va pianificato e spalmato su un tempo preciso. Il tempo deve corrispondere ad una sola sessione: sarà dunque consigliabile pianificare metà anno di lavoro, senza essere eccessivamente lungimiranti. La regola d’oro è sempre “step by step”.
  • La quarta regola d’oro, per riorganizzare la vita universitaria senz’ansia, è dormire: le ore di riposo notturno, sono indispensabili sia per conservare le informazioni apprese, sia per immagazzinarle meglio il giorno successivo. Dunque, per studiare in modo regolare e produttivo, è bene avere dei ritmi scanditi.
  • Le ore di studio, dovranno essere sempre le stesse: bisognerà scegliere un momento della giornata o della notte, da dedicare allo studio; anche questo scandisce un tempo pausato e regolare tra lo studio e le altre attività lavorative e ludiche.
  • Per riprendere la vita universitaria, bisogna creare una scala di priorità, avere un ritmo regolare di studio ma è anche importante restare flessibili rispetto alla tabella di marcia. Gli imprevisti sono parte del programma: anche questa è una regola importantissima. Bisogna prendere in considerazione il fatto che la vita universitaria deve essere vissuta in modo flessibile, perché non sempre i piani proseguono cosi come erano stati progettati.
  • Riprendere la vita universitaria, è bene ripristinare i contatti con i propri colleghi e creare un gruppo studio, o scambiare le informazioni di base, è di fondamentale importanza, in quanto aiuta a confrontarsi e a creare collaborazioni utili.