Ecco perché fare shopping fa bene all’umore

Shopping terapia
Lo shopping è la terapia del buonumore

Lo shopping è terapeutico: è stato affermato da una ricerca scientifica condotta in Australia, su un campione misto di persone (maschi e femmine) di età diversa. Lo shopping apporta effettivi benefici, fisici e psichici: diminuisce lo stress, calma l’ansia, aumenta il benessere e l’autostima, aiuta a bruciare i grassi molto più velocemente favorendo il dimagrimento, migliora le relazioni sociali.

Lo shopping è una terapia per il corpo e per l’animo; non è solo il motore dell’economia, ma apporta reali ed effettivi benefici anche a chi ha potere d’acquisto. I ricercatori, hanno affermato che chi acquista spesso, anche piccoli oggetti di poco valore, pone un nuovo tassello al quadro del buonumore. Acquistare ogni giorno, anche piccole cose, spinge a muoversi, a sentirsi meglio con se stessi, ad aumentare la creatività, a migliorare l’autostima.

Lo shopping è il toccasana dell’animo ed è benefico a qualsiasi età: Secondo i ricercatori, bisogna acquistare a piccole dosi, senza ledere la propria economia. Per i ricercatori dunque, chi effettua acquisti regolarmente gode di uno stato di benessere maggiore rispetto a chi non esce per acquistare a guardare le vetrine. I piccoli acquisti, riducono l’ansia, perché favoriscono uno stato di benessere e riducono lo stress, perché i consumatori, sono sempre persone felici.

Le persone in crisi, solitamente sono spinte a fare shopping per migliorare la condizione psico-fisica. Lo shopping aiuta a migliorare l’autostima, a guarire dalle piccole ferite quotidiane, guadagnando fiducia in se stessi.
Secondo una ricerca scientifica condotta in Gran Bretagna, acquistare,aiuterebbe a bruciare oltre mille calorie al mese. Il calcolo è stato effettuato contando il numero di passi, tra le vetrine, per circa tre ore. Passeggiare fa bene, perché aiuta a bruciare i grassi, in eccesso.

Che siano abiti, accessori, piccoli oggetti per la persona o per la casa, la scelta di comprare, rappresenta una terapia vera e propria, che aumenta il dosaggio di buonumore; di contro però è importante saper conoscere i propri limiti e non sfociare in un atteggiamento psicotico, come quello dello shopping compulsivo. Bisogna acquistare oggetti utili, da quali poter trarre una gratificazione. Acquistare continuamente, tutti i giorni, o più volte a settimana anche oggetti che non procurano beneficio alcuno, non è positivo.

Lo shopping ossessivo compulsivo, porta ad acquistare in modo disordinato, oggetti e capi che non hanno utilità, porta inoltre a desiderare di acquistare le cose altrui, comporta un benessere solo apparente che in realtà è molto negativo per la persona.