3 libri sull’empowerment femminile da non perdere

Libri
Libri sull'empowermnt femminile

Specchi. Riflessi di epoche, di epoche storiche, e filosofie. Espressioni dell’animo umano, quello intimo e profondo. Racconti e di nuovo riflessi. I libri, sono un mondo di cultura e di bellezza eterna. E quelli al femminile, sono spesso racconti personali, esperienze vissute, o idealismi dalla firma rosa. E’ un mondo variopinto ed eclettico quello dell’empowerment femminile,di classici intramontabili e nuovi testi, che appartengono al mondo femminile, quello più intimo e più rivoluzionario allo stesso tempo.

La prima autrice è una femminista di successo: autrice di numerosi romanzi e di testi, scrittrice notevole e vicina al mondo femminile, Oriana Fallaci, scrive un libro che è un inno all’empowerment femminile, che porende il titolo di “Penelope alla guerra”. E’ un libro attualissimo, che tocca tematiche estremamente vicine al mondo femminile e non solo. Centrali nel racconto della scrittrice, sono il razzismo e l’omosessualità, e quindi la ghettizzazione, la paura del diverso, l’evoluzione non evoluzione di una società che è fintamente progressista, che è globale, ma chiusa in una scatola allo stesso tempo. E il ruolo della donna, emancipato, sempre più avanti rispetto a quello dell’uomo; Penelope, è una donna che lascia la tela, e va in guerra: è una donna coraggiosa, che rifiuta la condizione dell’attesa per accettare quella della guerra, per accettare il rischio, e per cercare la sua vera identità.

E’ questa la tematica più importante del libro della Fallaci: la ricerca dell’identità, il bisogno di affermare la propria persona, la necessità di emergere da una condizione di sudditanza che da sempre opprime la figura femminile, sotto ogni aspetto. Penelope alla guerra è un libro sull’empowerment femminile, sull’identità di donna, sulla ricerca di se stessa.

Mangia Prega Ama di Elizabeth Gilbert, è un libro molto bello sull’empowerment femminile. Dal libro al film di successo, il passaggio è stato breve, sia per la qualità del racconto, divenuto poi sceneggiatura, sia per la profondità delle tematiche. L’autrice, racconta della ricerca dell’identità, della necessità di esplorare e connettersi con il mondo esterno. La fine è sempre un nuovo inizio, perché tutto è ciclico, e quindi il cambiamento non ha necessariamente un’accezione negativa, al contrario. La protagonista lascia una vita infelice, e parte per un viaggio, scopre nuove persone, nuovi luoghi, nuove culture. Viaggia ancora, mangia ed infine prega. Riscopre la sua vera identità, attraverso la meditazione, e attraverso un nuovo modo di vedere il mondo.

Un altro libro sull’empowerment femminile, è “Cambiare è facile: come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici”, di Gretchen Rubin. Questo libro, è un inno al cambiamento e alla capacità di superare le proprie paure. Accade solo attraverso testi come questo, di trovare l’empowerment giusto, lo slancio per effettuare il salto. Il testo è un manuale, che ogni donna, dovrebbe leggere.