Quando troncare certe relazioni ti fa ritrovare il sorriso!

Troncare una relazione
Quando troncare una relazione fa ritrovare il sorriso

I rapporti senza uscita, infelicitano; si alimentano di speranze illusorie, che intrappolano in una rete di complicazioni che rende il rapporto soffocante, cristallizzato e immobile. Troncare certe relazioni, amicali o amorose non è mai semplice; i rapporti creano le loro fondamenta sui sentimenti, e su un ritorno di questi ultimi, per cui rinunciare a qualcuno, è oltremodo complesso. Spesso si resta intrappolati nella speranza che la relazione subisca una svolta positiva, e –molto spesso- per restare aggrappati a questa speranza, si tende a non analizzare con attenzione le cause che hanno scatenato la crisi della relazione.

Troncare certe relazioni, può far ritrovare il benessere. Questo accade quando una relazione diventa negativa per la maggior parte degli aspetti. Quali sono i presupposti dai quali partire per poter troncare una relazione? In primis, è necessario analizzare gli aspetti negativi del rapporto:
1) Quando si calpesta l’autostima: molto spesso, nei rapporti, ci si mette da parte, ci si piega, si asseconda il partner nella speranza che questo possa compiacerlo/a e che questo stabilisca un equilibrio tra le parti. La mancanza di autostima, crea delle crepe profondissime nella relazione e nel soggetto che ne è carente. Sottoporsi e rimettersi alla volontà della persona amata, è sempre un errore; i rapporti trovano equilibrio in un costante bilanciamento dei ruoli, che favorisce la stabilità.

2) Se in un rapporto non si evolve, se si è costantemente infelici, allora è consigliabile troncare la relazione, per ritrovare il benessere. Molto spesso involontariamente, le persone tendono a reprimere i loro desideri per vedere realizzati quelli degli altri; questo soffocante processo di repressione, porta ad una continua infelicità, che, con il passare del tempo, diventa una costante talmente netta da non saperla più distinguere dalla reale felicità data da un rapporto.

3) Troncare una relazione, è dunque complesso, ma molto spesso, è restare impelagati in un rapporto che non apporta benessere, è la soluzione più semplice. Una relazione, per quanto complessa, infelice e morbosa, rappresenta una sicurezza, per cui spesso, si tende a soprassedere sulla propria infelicità, piuttosto che prendere coraggio e mettere fine ad un meccanismo ormai negativo. Se le persone intorno a noi, -familiari e amici- sono concordi nell’affermare che la nostra relazione è carente, dovremmo trovare il coraggio di fare un’analisi attenta.

4) Se tutto viene messo in discussione, se manca la condivisione, se si realizza un abbassamento dell’autostima, se la relazione è per la maggior parte delle volte fonte di infelicità è necessario troncare.