Frutta e verdura fuori stagione: come rinunciarci?

Frutta e verdura fuori stagione
La frutta e la verdura fuoro stagione

Frutta e verdura fuori stagione, non vanno mangiate. Gli esperti spiegano perché è importante non acquistare alimenti importati, anche se sono presenti sul banco dell’ortofrutta. Frutta e verdura fuori stagione, sono sconsigliate da nutrizionisti e dietologi, che spiegano quanto sia importante che i prodotti che mangiamo, siano assolutamente freschi e perfettamente lavati. I prodotti surgelati, o coltivati in serre, perdono la maggior parte delle loro proprietà benefiche, diventando dunque nocive per l’organismo.

La frutta fresca, se è fuori stagione, viene importata o cresce in serre riscaldate: angurie, meloni, pesche, fragole e ciliegie, sono coltivati in serre, con il supporto di agenti chimici e di pesticidi che favoriscono la buona conservazione del prodotto nel tempo, facendolo apparire perfettamente naturale. In realtà, queste sostanze, non presenti in natura, aiutano frutta e verdura a crescere e conservarsi, ma sono prive di tutte le loro sostanze nutritive più importanti. In particolare la frutta e la verdura, sono ricche di vitamine e Sali minerali che con questo processo vengono parzialmente perduti; inoltre il sapore e l’odore della frutta e della verdura fuori stagione cambia completamente.

In particolare i bambini e le donne in gravidanza, dovrebbero evitare la frutta e la verdura fuori stagione per gli agenti chimici presenti, che non possono essere eliminati con il solo lavaggio e che a lungo andare possono risultare dannosi.
In molto casi, gli esperti, consigliano di optare per la frutta e per la verdura biologica, o suggeriscono di recarsi presso un banco ortofrutta di fiducia, che garantisce la provenienza dei prodotti.

Il vantaggio dell’acquistare la frutta e la verdura di stagione, è principalmente quello di nutrirsi in modo sano. Inoltre, il costo dei prodotti, è assolutamente minimo rispetto ai prodotti importati o coltivati nelle serre che richiedono comunque un trattamento costoso. I mesi invernali, sono i mesi degli agrumi, dei kiwi, pompelmi, limoni, arance e mandarini; per quanto riguarda la verdura, la natura offre cicorie, broccoli, radicchio, verza e cavoli, bietole, e insalata di ogni tipologia.
Sul finire dell’inverno, abbiamo le mele le pere e i cachi, e tutta la verdura dei mesi invernali.
Ad aprile, si consigliano le fragole, cosi come a maggio, le ciliegie, le albicocche, le nespole. Come verdure fresche e ortaggi ci sono gli asparagi, i ravanelli, la rucola, i finocchi, i piselli i carciofi, fave, patate.

In estate, abbiamo la frutta rossa, l’anguria, ancora le fragole e le ciliegie, i meloni e come verdura, le melenzane, peperoni, zucchine, le barbabietole, patate novelle, piselli.
Dunque ogni periodo ha la sua frutta e verdura specifici.